Ordinamento Sportivo Italiano CONI e Internazionale CIO

ORDINAMENTI SPORTIVI CIO CONI

C.I.O. – COMITATO OLIMPICO INTERNAZIONALE

C.O.N.I. – COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO

F.S.N. – FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI

(n. 45 Federazioni Sportive Nazionali)

D.S.A. – DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE

(19 Discipline Associate)

E.P.S. – ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA SPORTIVA

(14 Enti di Promozione Sportiva Nazionali)

A.S.D – ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE / POLISPORTIVE DILETTANTISTICHE / S.S.D. – SOCIETA’ SPORTIVE DILETTANTISTICHE

(n. ASD / n.Polisportive / n.SSD per la promozione e diffusione diretta della pratica sportiva sul territorio)


Per argomentare gli “Ordinamenti Sportivi Nazionali ed Internazionali“, partiamo da “La Carta Europea dello Sport per tutti adottata dal Consiglio d’Europa nel 1975“, che afferma

all’articolo 1 che chiunque ha il diritto di praticare lo sport mentre l’articolo 2 prevede che lo sport, in quanto fattore importante dello sviluppo umano, deve essere incoraggiato e sostenuto in maniera appropriata con finanziamenti pubblici.

Nel 1992 la carta Europea, viene aggiornata e viene definita la nozione di sport, che è: “qualsiasi forma di attività fisica che, attraverso una partecipazione organizzata o non organizzata, abbia per obiettivo l’espressione o il miglioramento della condizione fisica e psichica, lo sviluppo delle relazioni sociali o l’ottenimento di risultati in competizioni di tutti i livelli“.

In Italia, l’Ente preposto alla gestione, al controllo e allo sviluppo dello SPORT è il C.O.N.I. – Comitato Olimpico Nazionale Italiano che promuove lo svolgimento secondo determinate regole delle varie discipline sportive, attraverso le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva.

  • Le Federazioni Sportive Nazionali (FSN) hanno il compito principale di gestire gli sport siano essi agonistici e/o olimpici. Direttamente collegate altre altre Federazioni Sportive Nazionali delle altre Nazioni e con il C.I.O., con i quali enti collaborano per le attività di livello assoluto.
  • Le Discipline Associate (DSA) si occupano di attività sportive giovani che non hanno la caratura olimpica ed hanno anche caratteristiche ludiche (Dama, Scacchi, Bridge etc.)
  • Gli Enti di Promozione Sportiva (EPS) hanno la peculiarità di curare lo sport con finalità amatoriali ricreative e formative. Direttamente collegate con il CONI e indirettamente con il CIO solo attraverso il CONI e le FSN.
  • Tralasciando ulteriori Enti che si occupano di sport ( Scuole/ Università etc.) il terminale locale della piramide sportiva è l’Associazione Sportiva Dilettantistica (A.S.D.) introdotta dall’art. 90 della legge 289/2002.

In Italia, la “base della piramide” viene portata avanti, come pratica sportiva sia essa agonistica, sia essa amatoriale, ludica o ricreativa, attraverso le A.S.D.che costituiscono quindi l’asse portante di tutto lo sport e che sono soggetti giuridici non riconosciuti senza autonomia patrimoniale perfetta, nel senso che per le obbligazioni verso terzi ne rispondono coloro che hanno agito in nome e per conto dell’associazione.


( ASD – EPS – FSN ) CONI – ITALIANE PROMOTRICI il N.W.